Autore: Francesca Capatori

Movimento e Benessere

L’essere vivente è concepito per essere dinamico e conservare attraverso il movimento le sue strutture, le sue funzioni organiche e cognitive in efficienza e integrità.

(“L’intelligenza del movimento” di Katia Francesconi e Giovanni Gandini)

Siamo bombardati di notizie che sottolineano l’importanza del movimento. Nonostante ciò l’indice di sedentarietà, a livello mondiale, sembra essere in costante aumento. L’inattività fisica è identificata a livello globale come il quarto più importante fattore di rischio per la mortalità.

Raccomandazioni OMS - attività fisica
Areafisio - Manerba
Riabilitazione Movimento Benessere

Le raccomandazioni dettate dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) dimostrano come i benefici dell’attività fisica superino i possibili danni. Si raccomandano per gli adulti 150 minuti a settimana di attività di moderata intensità.

L’intensità delle diverse forme di attività fisica varia da persona a persona ed in base allo specifico livello individuale di forma fisica.

Camminare velocemente, ballare o svolgere lavori domestici possono essere considerati esempi di attività fisica moderata. Correre, pedalare e nuotare velocemente o spostare carichi pesanti sono possibili esempi di attività fisica intensa.

Le persone inattive dovrebbero iniziare con livelli di attività fisica limitati per poi aumentarne gradualmente la durata, la frequenza e l’intensità nel corso del tempo. Gli adulti inattivi, le persone anziane e quelle che presentano limitazioni dovute a malattie trarranno benefici aggiuntivi da una vita più attiva.

Il movimento determina lo sviluppo dell’uomo perché rappresenta il mezzo, l’occasione e la spinta per interagire con il mondo esterno, per sperimentare e conoscere.

Benefici di un’attività fisica regolare

Quali sono quindi i principali benefici dell’attività fisica? Il movimento giova a tantissime funzioni del nostro corpo e della nostra psiche, a livello cardiovascolare, muscoloscheletrico, metabolico e psicologico.

Benefici dell'attività fisica
Areafisio Manerba
Riabilitazione Movimento Benessere

L’attività fisica regolare:

  1. Migliora la qualità del sonno: il movimento riduce il tempo necessario per addormentarsi, aumenta il sonno profondo e riduce la sonnolenza diurna
  2. Aiuta a controllare il peso corporeo: la massa grassa si riduce ed aumenta la massa magra. Muoversi migliora il metabolismo e sconfigge sovrappeso e obesità.
  3. Migliora la capacità cognitiva ed esecutiva: facilita la pianificazione e l’organizzazione giornaliera, migliora il controllo delle emozioni e le funzioni congitive (memoria/attenzione/rendimento scolastico)
  4. Riduce il rischio di depressione: prendere parte a gruppi sportivi, consente di sviluppare relazioni e può ridurre sintomi di persone affette da ansia e depressione
  5. Combatte le malattie: l’attività fisica può ridurre la frequenza cardiaca, migliorando l’elasticità dei vasi sanguigni e contribuendo a mantenere bassa la pressione arteriosa. Previene inoltre diabete di tipo II, l’osteoporosi, la sindrome metabolica, la depressione, il cancro e la demenza.
  6. Migliora la qualità di vita percepita
  7. Riduce il rischio di demenza negli anziani: favorisce indipendenza e riduce il rischio di cadute.

Il movimento fa bene a corpo e mente: basta poco esercizio quotidiano, anche soft, per stimolare il cervello e potenziare la memoria (anche solo 10 minuti danno risultati concreti!).

E’ uno strumento utile, economico e fruibile per la prevenzione di problematiche di vario genere: svolgere una sana e regolare attività fisica, abbinata ad un’alimentazione equilibrata, significa guadagnare uno stato di salute migliore da un punto di vista qualitativo.

Nel caso in cui una patologia sia già in corso nel soggetto, l’attività fisica interviene in maniera “riparatoria”. Il movimento in questo caso può essere utilizzato come vera e propria terapia di riabilitazione.

Ginnastica posturale in età evolutiva

Ginnastica posturale
Ginnastica posturale in età evolutiva

Cos’è la scoliosi?

La scoliosi è una deformità della colonna vertebrale piuttosto frequente nei bambini e negli adolescenti. A differenza dell’atteggiamento scoliotico, la scoliosi strutturata è caratterizzata da una deformità permanente dei corpi vertebrali non modificabile senza l’intervento di agenti esterni; coinvolge la colonna vertebrale ma anche altre articolazioni, strutture muscolari e tendinee  e nei casi più gravi può anche associarsi a dislocazione degli organi interni.

A chi è rivolta la ginnastica posturale?

Ragazzi in età evolutiva (11/18 anni) con diagnosi di scoliosi, dorso curvo o ipercifosi/iperlordosi possono beneficiare di questo trattamento (nei casi più gravi come supporto/aiuto al corsetto). Ragazzi con atteggiamenti scoliotici per eliminare le cause che li sottendono ed evitare lo svilupparsi di “vere” scoliosi.

Perchè è importante?

E’ importante porre molta attenzione alle patologie della colonna vertebrale nell’infanzia e nell’età evolutiva per poter monitorarne l’evoluzione ed agire tempestivamente. In base alla gravità e all’evolutività della curva sarà dunque possibile prescrivere la terapia adeguata.

Cos’è la ginnastica posturale?

La ginnastica posturale è volta alla correzione di atteggiamenti posturali anomali attraverso esercizi di autocorrezione aiutando il paziente a costruire un corsetto neuro-muscolare mediante esercizi di rinforzo muscolare mirato. Ciò permette di dare sostegno alla colonna vertebrale e, lavorando sia sulla muscolatura anteriore che posteriore, consente di evitare degli squilibri muscolari e deficit di forza che potrebbero causare dolori in futuro. Queste attività vanno sempre integrate con esercizi propriocettivi che stimolino dunque la presa di coscienza della posizione del proprio corpo nello spazio.

E lo sport?

Lo sport è un’arma fondamentale per combattere problematiche di tipo posturale ma purtroppo a volte non è sufficiente. In presenza di patologie vertebrali è necessario adottare esercizi specifici volti al miglioramento della propria postura. Partendo dal presupposto che lo sport fa bene, esistono delle attività più indicate e specifiche, quindi è importante parlarne con il medico affinchè sport e medicina rientrino nella quotidianità dei pazienti per il loro benessere futuro.